Marano sul Panaro, la festa della birra e del luppolo autoctono. Nel fine settimana la “Marano wild hopfest 2018”

Marano sul Panaro sarà per tre giorni la capitale del luppolo; da venerdì 13 a domenica 15 luglio ritorna infatti la “Festa del luppolo autoctono – Marano Wild-Hopfest” che vede quest’anno la partecipazione di sei birrifici tra i migliori in Italia più una ospite dall’estero: Ritual Lab Brewing di Formello (Roma), Microbirrificio “Birra Elvo” di Graglia (Biella), Birrificio Dada di Correggio, Birrificio Argo di Lemignano (Parma), Birrificio Orso Verde di Busto Arsizio (Varese), Hilltop Brewery di Bassano Romano (Viterbo) e ospite speciale quest’anno Whiplash Brewing Company dall’Irlanda.

I food corner previsti sono quelli dell’Osteria della Cavazzona, cucina tipica emiliana di Castelfranco Emilia, I Toscanacci dell’Abetone con cucina tipica toscana, e 19 28 da Noceto (Parma) con cucina a base di luppolo.

La manifestazione non è solo l’occasione per presentare le novità sullo studio e la ricerca sul luppolo, ma negli anni si è affermata come happening festoso ed evento di riferimento per tutto il settore birrario e a livello nazionale.

Previsti degustazione di birre ottenute con luppoli italiani, una visita al luppoleto e al campo collezione, workshop e laboratori, la possibilità di degustare i prodotti dei migliori birrifici, fino alla cotta pubblica dimostrativa in programma sabato a cura dell’associazione Birra Divin Piacere.

Alla festa di apertura partecipa la banda musicale di Tettnang (Germania) alle ore 21 di venerdì con la “Principessa del Luppolo” di Tettnang, eletta in un concorso locale di bellezza.

Il programma per la prima volta continua anche nella giornata di domenica, quando è previsto il convegno “Make Pop the Italian Hop”, che presenta i recenti risultati della ricerca sul luppolo, in collaborazione con l’Università di Parma.

Questo evento nasce come naturale evoluzione del progetto di ricerca sui luppoli indigeni locali avviato dal Comune in collaborazione con il dipartimento di Scienze degli alimenti dell’Università di Parma e supportato da Italian Hops company di Cognento, prima azienda italiana per la produzione di luppolo in scala commerciale.

La tradizione del luppolo di Marano è provata da note storiche che nel 1876 vogliono il luppolo dei Montecuccoli, coltivato proprio nell’area comunale, fu premiato per la sua qualità all’Esposizione internazionale di Haguenau, in Alsazia. Su quegli stessi terreni oggi prende vita il campo sperimentale di coltivazione di varietà italiane al centro dell’iniziativa.

LA COLTIVAZIONE DEL LUPPOLO, IN UN CONVEGNO IL PUNTO SULLA SPERIMENTAZIONE 

Tra le iniziative nell’ambito della Festa del luppolo autoctono di Marano spicca il convegno nazionale “Make pop the italian hop – sosteniamo il luppolo italiano”, che si svolgerà domenica 15 luglio a partire dalle 9.40 al Centro culturale di Marano.

Nel corso del meeting, moderato da Simone Cantoni (degustatore, giudice, docente e beerwriter) e Simonmattia Riva (docente, campione del mondo bier sommelier doemens e giudice birraio internazionale), interverranno esperti del settore brassicolo ed enogastronomico italiano e saranno presentate le ultime novità emerse dalla ricerca sul luppolo a Marano.

Giunta al suo settimo anno, infatti, la sperimentazione della coltivazione del luppolo a Marano ha concluso un suo primo ciclo, individuando, isolando e selezionando le prime genetiche di origine italiana e durante la conferenza verranno presentati i nuovi risultati.

Tra questi la possibilità di produrre birra con caratteristiche aromatiche tipicamente italiane.

Sarà presentato anche il progetto di crowdfunding per allestire una nuova serra di coltivazione indoor sperimentale e le prime anticipazioni sulla seconda generazione di luppoli italiani.

Interverranno: Emilia Muratori, sindaco di Marano sul Panaro, Tommaso Ganino, Margherita Rodolfi, Benedetta Chiancone dell’Università di Parma, Eugenio Pellicciari di Italian Hops Company, Davide Bandieri del Vivaio Bandieri, Ludovico Lucchi, azienda agricola Lucchi), Stefano Bergaglio di Anadiag, Teo Musso (Birrificio Baladin), Simone Monetti (Unionbirrai), Federica Barozzi (Coldiretti), Alex Lawes (Whiplash Brewing Co), Matthieu Cosson (Le Champ du Houblon).

A seguire beer brunch, visita al luppoleto sperimentale; in programma, sabato 14 dalle ore 14.30 anche due workshop di approfondimento per tutti gli aspiranti coltivatori.





Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie
Uso dei cookies
© 2000-2016 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 11 query in 0,322 secondi •