È Alberto Tomba il testimonial dell’Appennino bianco e verde dell’Emilia-Romagna

Verde o bianco, in Appennino la vacanza è garantita 365 giorni l’anno con le sue piste innevate, i nuovi snow park e il trekking nella natura. E lo dice un testimonial d’eccezione. Alberto Tomba sarà infatti, per il secondo anno consecutivo, il volto del turismo made in Emilia-Romagna, per promuovere le vacanze sportive e attive in Appennino, tutto l’anno.

Dopo quella dedicata allo sport invernale sulla neve, l’olimpionico e pluripremiato campione di sci (un dato su tutti: 50 vittorie complessive in Coppa del mondo) ha anticipato a Bologna i temi della prossima campagna per l’Appennino bianco e verde, insieme al presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, all’assessore al Turismo, Andrea Corsini, e al presidente di Apt servizi Emilia-Romagna, Davide Cassani.

“E’ sempre un piacere contribuire alla promozione delle montagne che tante volte hanno ospitato i miei allenamenti e che ancora mi emozionano”, afferma Alberto Tomba. “E quest’anno racconterò non solo l’Appennino bianco, ma anche quello del trekking e delle attività nella bella stagione. Un’immensa palestra a cielo aperto, a stretto contatto con la natura, dove rigenerare il corpo e la mente lontano dai ritmi frenetici della nostra quotidianità”.

“Sport e turismo, un legame oggigiorno inscindibile- sottolinea Davide Cassani- che vede sempre più spesso la nostra regione divenire il palcoscenico di eventi agonistici di caratura internazionale, ma anche appuntamenti per tutti gli amanti dello sport che danno visibilità alle eccellenze del territorio con una forte ricaduta economica sull’industria turistica e il suo indotto. Alberto Tomba rappresenta, nel mondo intero, l’essenza dello sport italiano, e la sua simpatia e immediatezza sono il migliore biglietto da visita che l’Appennino possa avere”.

“L’Appennino e la montagna, il mare e la costa, la cultura, il cibo, i motori, lo sport, il wellness: l’Emilia-Romagna ha tanto da offrire e accanto a prodotti forti e ormai ‘tradizionali’ come il turismo balneare e a realtà ormai consolidate come le città d’arte- afferma il presidente Bonaccini-, ora è in grado di esprimere sempre più qualità anche per la montagna, lo sport e i grandi eventi sportivi. E non è un caso se la nostra regione quest’anno è stata indicata dalla prestigiosa guida Lonely Planet come la miglior meta in Europa, la terra che guida la classifica delle dieci destinazioni consigliate nel Vecchio Continente, davanti a nazioni come Spagna e Olanda. L’Emilia-Romagna è un po’ come Tomba: unica e conosciuta in tutto il mondo. Il 2017 si è chiuso con un nuovo record, con quasi 57 milioni di presenze e con una crescita continua anche per l’Appennino, con 2 milioni di presenze (+4,5%) e 500mila arrivi (+3,6%). Numeri che hanno ricadute positive anche per l’occupazione e il Pil del turismo che ormai rappresenta il 12% di quello regionale. E grazie a campioni della nostra terra come Alberto Tomba, forse lo sciatore a tutt’oggi più famoso al mondo, puntiamo a far conoscere il nostro Appennino, un territorio da vivere tutto l’anno, che può essere molto competitivo e dare un contributo importante all’economia regionale”.

“Stiamo lavorando da inizio mandato alla riqualificazione degli impianti sciistici dell’Emilia-Romagna, per sostenere il turismo e lo sviluppo dell’economia dell’Appennino che ha grandi potenzialità- conclude Corsini-. Per questo negli ultimi tre anni abbiamo investito oltre 3,3 milioni di euro sia per interventi infrastrutturali sulle stazioni invernali pubbliche e private (1,5 per gli Enti locali e oltre 1,8 ai privati) sia per sostenere le spese di gestione degli impianti sciistici e abbiamo già erogato nel 2018 fondi per 900 mila euro. Andremo avanti su questa linea, anche grazie all’accordo che le Regioni Emilia-Romagna e Toscana hanno firmato con il Governo e che metterà presto a disposizione 13 milioni di euro (di cui 3 di risorse regionali) per interventi sugli impianti sciistici dei nostri comprensori regionali”.

Le campagne

Tanta neve, discese perfette e un paradiso per sognare, giocare e divertirsi con tutta la famiglia: è stato questo il messaggio comunicato dallo spot della campagna presentato nella passata stagione invernale per raccontare i 300 km di piste regionali, snow park e attività sulla neve a disposizione dei turisti. La natura incontaminata, i sapori, le emozioni sono state racchiuse in uno spot televisivo mandato in onda in occasione di gare e appuntamenti sportivi.

Il 2018-2019 sarà invece all’insegna della vacanza attiva tutto l’anno, con l’attenzione puntata sull’Appennino per 365 giorni l’anno, come una grande palestra a cielo aperto da promuovere anche sui mercati esteri. Oltre agli spot, è prevista la presenza di Tomba e della realtà turistica dell’Emilia-Romagna in Polonia, nell’ambito della Fiera di Varsavia.

La stagione invernale 2017/2018

Secondo Skipass Panorama Turismo (centro di ricerca specializzato sul mercato del turismo e degli sport invernali) il comparto del “sistema neve italiano” (in tutte le sue componenti che vanno dal settore ricettivo a quello ristorativo, dagli impianti alle scuole di sci, dai servizi di noleggio al commercio sino dal divertimento) ha registrato un incremento delle presenze pari al +10,1% e un parallelo incremento del fatturato complessivo del sistema “montagna bianca” del +9,5% rispetto ai dati dello scorso anno (circa 11 miliardi di euro).

I dati riguardano tutto l’arco stagionale (da dicembre 2017 ad aprile 2018), con rilevazioni periodiche mensili e una rilevazione finale tra aprile e maggio 2018, nei confronti di un panel composto da 61 destinazioni montane ed appenniniche italiane. Per quanto riguarda l’Emilia-Romagna: Sestola (Modena), Vidiciatico e Lizzano in Belvedere (Bologna).

La quota di presenze turistiche dell’Appennino equivale al 2,3% rispetto al totale del prodotto “neve Italia”; tra gli ambiti appenninici monitorati, il Cimone (Modena) ha fatto registrare un +30% di presenze. Tra Cimone e Corno alle scale, il fatturato raggiuntoammonta a 7,2 milioni di euro.

Per quanto riguarda le quote di stranieri, la nazione dalla quale provengono i maggiori flussi di ospiti per le scuole di sci è il Regno Unito, seguito dall’Olanda e dalla Polonia.

Gli investimenti per il turismo

Nel 2016 e nel 2017 sono stati finanziati con fondi europei Por-Fesr per 57 milioni di euro importanti interventi tesi a valorizzare l’offerta turistica.

In particolare, nel 2017 la Regione ha investito circa 24 milioni di euro (incrementando di 10,5 milioni di euro circa le risorse già stanziate, pari a quasi 14,5 milioni) che premieranno oltre 200 imprese per progetti innovativi di riqualificazione turistica, commerciale e culturale.





Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie
Uso dei cookies
© 2000-2016 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 19 query in 0,505 secondi •