Cinghiali, Severi (FI): “Mancata prevenzione e metodi emergenziali. A farne le spese i cittadini e gli animali”

“L’abbattimento di 11 cinghiali, anticipato e seguito dal totale silenzio dell’Amministrazione comunale sul problema, la dice lunga in merito alla non prevenzione e ai metodi emergenziali adottati dal Comune di Sassuolo. Si è arrivati alla mattanza e, con essa, al disorientamento della fauna selvatica e ai conseguenti danni cagionati dagli animali spaventati che sono fuggiti dai loro rifugi, smarriti, senza nemmeno essere  precedentemente passati da una significativa attività di prevenzione”. Così il Claudia Severi, Capogruppo FI Sassuolo.

“Prima che venisse annunciata l’emergenza cinghiali e il conseguente loro abbattimento in massa, quali adeguati segnali di pericolo aveva lanciato in merito la Giunta? Ci chiediamo che cosa avesse fatto. Aveva, forse posizionato a suo tempo, nelle zone piu a rischio, idonee segnaletiche che indicassero il pericolo, o emesso ordinanze specifiche?  E se no, viene da chiedersi come possa pretendere questa amministrazione di essere credibile davanti a due versioni , i cinghiali non possono essere banali e allarmanti allo stesso tempo. E se prima dell’abbattimento i cittadini non erano stati nemmeno sensibilizzati, rispetto alla presenza, a livelli ritenuti di emergenza, di cinghiali nei giorni successivi all’uccisione degli undici esemplari, l’amministrazione è tornata nel letargo. Indifferente anche di fronte alle testimonianze di automobilisti vittime di incidenti provocati dagli animali”, continua Severi.

“Da qualsiasi parte la si legga, questa vicenda conferma l’ennesimo pasticcio di questa amministrazione, incapace di vigilare sulla sicurezza dei cittadini attraverso adeguate campagne di informazione e prevenzione, da attuare necessariamente prima di arrivare all’abbattimento.

Ora l’amministrazione stessa dovrebbe comunicare ai cittadini lo stato della situazione. Se è bastato uccidere 11 cinghiali allora significa che forse il problema non era così allarmante come descritto e se invece non è bastato, come la cronaca di questi giorni sembra confermare, allora la giunta ci informi, predisponga tutti i sistemi di dissuasione nei confronti degli animali, e di informazione e prevenzione rispetto alla cittadinanza, e dica pubblicamente che cosa intende fare. Anche per questo ho presentato una interrogazione consiliare per fare chiarezza su ciò che fino ad ora non ha funzionato sotto il profilo della prevenzione e per fare in modo che nel 2018 vengano assunti tutti i provvedimenti necessari al governo della fauna selvatica, nell’interesse e per la sicurezza della popolazione, degli imprenditori agricoli troppo spesso danneggiati dalla presenza degli ungulati, ma  – conclude la Capogruppo FI – soprattutto nella difesa dell’ambiente e della fauna e dove il ricorso all’abbattimento sia davvero l’ultima estrema azione da intraprendere, al termine di un percorso fatto di prevenzione di lungo periodo, di informazione che in questo caso chiaramente non ci sono stati”.





Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie
Uso dei cookies
© 2000-2016 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 27 query in 0,523 secondi •