Cgil ER: “Va raccontata tutta la verità sulla Castelfrigo e su chi opera in appalto nel sistema delle carni”

“La Cgil Emilia Romagna è impegnata nel dare piena attuazione all’intesa sottoscritta da tutte le rappresentanze sociali in Regione il 29 dicembre 2017.
E’ un’intesa che intende rispondere nell’immediato ai lavoratori che operavano negli appalti della Castelfrigo, ricercando soluzioni occupazionali che rispettino la dignità dei lavoratori e garantiscano diritti e tutele, e che pone le basi per una soluzione definitiva per un distretto, come quello modenese delle carni, permeato dalla illegalità”. Così Antonio Mattioli, Responsabile politiche contrattuali Segreteria Cgil Emilia Romagna.

“Quanto sta accadendo in questi giorni dimostra che il modus operandi del “dividi et impera” è stato adottato per non risolvere una volta per tutte il male di un sistema che rischia di mettere in crisi un intero comparto, fondato su evasione, elusione, mancata applicazione del CCNL di riferimento e giocato sulla pelle dei lavoratori.
E’ avvilente che in una vertenza di questo tipo, con la quale si chiede solo legalità, applicazione delle leggi e delle regole contrattuali, eliminazione del caporalato e delle coop spurie, il tutto venga liquidato come uno “scontro tra organizzazioni sindacali” con il beneplacito di chi in questo comparto continua ad agire indisturbato con modalità indecenti”.

“L’intesa sottoscritta in Regione – prosegue Mattioli – inizia ad avere i primi riscontri da diverse realtà che operano nei nostri territori.
Se la Castelfrigo è davvero interessata ad affrontare il problema del distretto e le sue ricadute sociali  e intende dare gambe a quanto ha convenuto davanti al Prefetto nel febbraio del 2016 ha tutte le possibilità, attraverso l’associazione che la rappresenta (Confindustria), di aderire all’intesa di cui è garante la Regione, in caso contrario risulterà evidente l’intento di produrre solo finte soluzioni.
In ogni caso la nostra lotta non si ferma: pretendiamo che il Patto per il lavoro, sottoscritto da tutti in Regione, il Testo unico su legalità e appalti (legge regionale del 2016) trovino cittadinanza nel distretto carni modenese, a partire dalla vertenza Castelfrigo.
La nostra azione continuerà – conclude il Responsabile politiche contrattuali Segreteria Cgil ER – anche sotto il profilo legale e con il coinvolgimento degli organismi preposti”.





Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie
Uso dei cookies
© 2000-2016 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 14 query in 0,512 secondi •